Saline Conti Vecchi

Situato alle porte di Cagliari, fino agli inizi del Novecento lo Stagno di Santa Gilla era una palude infestata dalla malaria, finché l’Ing. Luigi Conti Vecchi non presentò un progetto ambizioso e innovativo che avrebbe cambiato il destino di tutta l’area: bonificare lo stagno impiantandovi una moderna salina.
Nel 1984 la salina passò sotto la proprietà di Eni, che tramite Syndial ancora oggi gestisce la vecchia Società Anonima Ing. Luigi Conti Vecchi. Attualmente la produzione raggiunge le 400 mila tonnellate l’anno, grazie a macchinari e processi altamente tecnologici, ed è specializzata in prodotti raffinati.

Nel 2016 il FAI prende in gestione una parte del vecchio stabilimento, ne crea un museo industriale tra le vecchie officine, archivi storici e laboratori del sale, raccontando questa bella storia di un’industria pulita e del suo particolare valore ambientale: la Salina è un’oasi naturale per migliaia di uccelli acquatici tra cui i famosi fenicotteri rosa.

Punto focale della visita è il tour guidato con un trenino tra le vasche salanti e le montagne di sale raccolto dell’impianto. I colori delle vasche che diventano sempre più rosse coll’aumento della salinità dell’acqua, la presenza dei fenicotteri e altri grandi uccelli, il vento e l’aria salata creano un’atmosfera unica, quasi incantata, ma sicuramente indimenticabile.

×